Patronato

La totalizzazione ENPAP

La totalizzazione ENPAP

La totalizzazione è alternativa alla ricongiunzione da cui si differenzia perché i vari contributi versati nei diversi Enti previdenziali non vengono materialmente trasferiti verso uno di questi. I contributi restano dove sono stati versati e vengono riuniti solo virtualmente per formare una rata di pensione unica.

Inoltre, a differenza della ricongiunzione, il ruolo degli Enti previdenziali è definito dalla normativa:

  • l’ultimo Ente in cui si è contribuito è quello incaricato di svolgere tutte le operazioni di istruzione della pratica, vale a dire le verifiche e i conteggi necessari a determinare la rata unica di pensione. La verifica dei requisiti per ottenere la totalizzazione viene effettuata attraverso un’apposita procedura informatica che consente lo scambio di dati tra i diversi enti di previdenza e permette di confermare la presenza e l’entità dei periodi accreditati. Se l’iter si completa in modo positivo, l’Ente che ha svolto la verifica comunica l’esito all’interessato e a tutte le gestioni coinvolte, in modo che ciascuna possa provvedere al computo della quota di pensione di propria competenza;

  • l’INPS è incaricato di raccogliere periodicamente dai diversi Enti la loro quota e di versare la rata unificata di pensione. I diversi Enti verseranno la propria quota di pensione calcolata secondo le proprie regole.

QUANDO PUOI RICHIEDERLA

La totalizzazione, ai fini della pensione di vecchiaia, spetta a coloro che possono vantare specifici requisiti legati a:

  • età pensionabile (minimo 65 anni);
  • vent’anni di anzianità contributiva (i periodi non devono essere coincidenti fra loro).
Anno di maturazioneEtàAnzianitàSlittamento decorrenza
(c.d. finestra di accesso)
(*)
dal 201165 anni20 anni18 mesi
dal 201365 anni e 3 mesi20 anni18 mesi
dal 201665 anni e 7 mesi20 anni18 mesi
dal 201966 anni20 anni18 mesi
(*) Se la domanda di pensione è presentata successivamente al decorso della c.d. finestra la decorrenza è fissata comunque al primo giorno del mese successivo il diciottesimo mese, salva la possibilità di richiedere la decorrenza del medesimo trattamento pensionistico dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda. 

La totalizzazione, ai fini della pensione di anzianità, spetta a coloro che possono vantare specifici requisiti legati a:

  • almeno 40 anni di contribuzioni totali nei diversi Enti (i periodi non devono essere coincidenti fra loro).
Anno maturazioneAnzianitàSlittamento decorrenza
(c.d. finestra di accesso)
(*)
201140 anni18 mesi
201240 anni19 mesi
201340 anni e 3 mesi20 mesi
dal 201440 anni e 3 mesi21 mesi
dal 201640 anni e 7 mesi21 mesi
dal 201941 anni21 mesi
(*) Se la domanda di pensione è presentata successivamente al decorso della c.d. finestra la decorrenza è fissata al primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Scegli e resta informato sulle notizie di cui hai bisogno

Area di interesse