Patronato

Premio alla nascita \ bonus mamma domani € 800

Premio alla nascita \ bonus mamma domani € 800

L’art. 1 c. 353 L n. 232\2016 riconosce anche per il 2020 il premio alla nascita di € 800  (bonus mamma domani) che viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo.

La domanda deve essere presentata solamente dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque, improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell’evento (nascita, adozione o affidamento).

Il premio alla nascita o bonus mamma domani viene erogato in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), e in relazione ad ogni figlio nato o adottato/affidato (circ. INPS n. 61\2017).

COSE DA SAPERE

Spetta a:

  • cittadine italiane;

  • cittadine comunitarie;

  • cittadine extracomunitarie in possesso di regolare permesso di soggiorno ( il tribunale di Milano ord. n. 6019\2017 ha ordinato all’INPS di estendere il beneficio a tutte le donne straniere regolarmente soggiornanti in Italia) msg. INPS n. 661\2018;

Bisogna avere:

  • residenza in Italia;

Si beneficia in caso di:

  • compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza);

  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza;

  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184\1983;

  • affidamento preadottivo nazionale disposto ai sensi dell’art. 22, c. 6, L. n. 184\1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34, L. n. 184\1983;

Casi particolari:

  • In caso di parto plurimo la domanda, se già presentata al compimento del settimo mese, andrà presentata anche in esito alla nascita con l’inserimento delle informazioni di tutti i minori necessarie per l’integrazione del premio già richiesto, rispetto al numero dei nati.

  • La domanda può essere presentata anche nell’ipotesi in cui la richiedente, pur avendo maturato i sette mesi di gravidanza, non abbia portato a termine la gravidanza a causa di un’interruzione della stessa. In questo caso, la domanda dovrà essere corredata della documentazione comprovante l’evento.

  • Nel caso di abbandono o affidamento esclusivo al padre, decadenza della potestà genitoriale o decesso della madre, il padre potrà presentare direttamente la domanda con le stesse modalità.

Scegli e resta informato sulle notizie di cui hai bisogno

Area di interesse